Regolamento reclutamento personale dipendente

 

 

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE  DIPENDENTE

 

Art. 1 Oggetto

Il presente regolamento, approvato con  delibera del Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26/08/2016,  nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e pubblicità, in attuazione delle disposizioni di cui di cui al comma 3 del D.Lgs 165/2001, disciplina le norme generali e le procedure  per il reclutamento del personale, non appartenente all’area dirigenziale, da inquadrare nell’ambito di un rapporto di lavoro subordinato con l’Azienda Multi Servizi spa.

 

 

Art. 2 Principi generali

Le procedure di reclutamento devono prevedere:

  • adeguata pubblicità della selezione e modalità di svolgimento che garantiscano l’imparzialità e assicurino economicità e celerità di espletamento, ricorrendo, ove opportuno all’ausilio di sistemi automatizzati, diretti anche a realizzare forme di preselezione;
  • adozione di meccanismi oggettivi e trasparenti, idonei a verificare il possesso dei requisiti attitudinali e professionali richiesti in relazione alla posizione da ricoprire;
  • rispetto di pari opportunità tra lavoratori e lavoratrici ai sensi della Legge n°125/1991;
  • rispetto della disciplina prevista sull’utilizzo e il trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003;
  • la composizione delle commissioni di selezione esclusivamente con esperti di provata competenza nelle materie oggetto di selezione scelti tra funzionari della Società o tra esperti esterni, di categoria almeno pari al profilo del posto messo a concorso, che non siano componenti dell’organo di amministrazione dell’Azienda, che non ricoprano cariche politiche e che non siano rappresentanti sindacali o designati dalle confederazioni ed organizzazioni sindacali o delle associazioni professionali, rispettando le pari opportunità.

 

 

Art. 3 Reclutamento

Il reclutamento del personale è limitato al numero di posizioni che si renderanno disponibili  nel rispetto delle esigenze indicate dal Direttore Generale, in relazione alle varie attività della società e/o di quelle che l’azienda andrà ad assumere, approvate dal Consiglio di Amministrazione.

Le eventuali offerte di lavoro saranno indicate mediante avviso affisso nella bacheca aziendale e comunque saranno pubblicate sul portale internet www.sbt.it nella sezione dedicata “offerte di lavoro”, costantemente aggiornata.

L’Azienda si riserva la facoltà di dare ulteriore pubblicità all’offerta mediante altre forme di divulgazione e pubblicità ritenute opportune come inserzioni su giornali locali e nazionali, etc.

Modifiche ed integrazioni relative alle selezioni saranno rese note con le stesse modalità previste per la pubblicità dell’offerta.

Art. 4 procedure di reclutamento

  1. L’assunzione dall’esterno del personale potrà avvenire mediante:
  2. a) selezione pubblica per esame, per titoli, per titoli ed esami;
  3. b) selezione per titoli e con svolgimento di prove volte all’accertamento della professionalità richiesta e/o attitudinali ;
  4. c) chiamata degli iscritti nelle apposite liste presso il Centro per l’impiego formate dalle categorie protette di cui alla legge 68/1999, previa verifica della compatibilità della invalidità con le mansioni da svolgere;
  5. d) mediante ricorso ad assunzione a tempo determinato;
  6. E’ escluso dall’ambito di applicazione del presente regolamento l’utilizzo del personale in regime di somministrazione.
  7. Le procedure di reclutamento potranno anche essere affidate di volta in volta con delibera del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Multi Servizi spa ad agenzie di lavoro esterne specializzate nell’attività di reclutamento, fermo restante il rispetto dei principi di cui al precedente art. 2.

 

Art. 5 Riserve di posti

Gli avvisi di selezione possono prevedere, nei limiti di legge, la riserva di una percentuale per il personale dipendente appartenente alla categoria immediatamente inferiore al posto messo a selezione in possesso dei medesimi requisiti richiesti per l’accesso dall’esterno e con una anzianità di servizio di due anni nel livello immediatamente inferiore.

L’entità della riserva di posti  verrà determinata in sede di avviso di selezione nel rispetto delle norme in materia vigenti alla data di emanazione dell’avviso stesso.

 

 

Art. 6 Requisiti d’accesso

I requisiti per poter accedere alla selezione, ovvero quelli che danno diritto a ricoprire i posti destinati alle categorie per le quali operano le riserve di cui al precedente articolo 5, devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nell’avviso di selezione per la presentazione della domanda.

Ogni singolo avviso di selezione deve indicare oltre ai requisiti generali per l’accesso dall’esterno in base alla normativa all’epoca vigente (cittadinanza, titolo di studio, età, ecc.) anche eventuali ulteriori e specifici requisiti (particolari titoli di studio o professionali, esperienze lavorative, ecc) correlati ai profili da ricoprire e ritenuti necessari per qualificare l’oggettiva professionalità dei soggetti da selezionare in relazione ai profili stessi.

 

Art. 7 Bando

Il bando di selezione deve necessariamente prevedere:

– il numero di posti e i profili  messi a selezione con la specificazione di eventuali riserve;

– i requisiti per la partecipazione;

– le modalità e il termine perentorio di presentazione delle domande;

– l’eventuale programma o materie delle prove selettive o attitudinali;

– le modalità con le quali verranno fornite comunicazioni si candidati.

Il termine per la presentazione della domanda dovrà essere compreso tra i 15 e i 30 giorni dalla data di pubblicazione dell’avviso sul sito aziendale.

 

Art. 8  Domande di partecipazione

Fermo restando ogni ulteriore previsione del bando, la domanda di partecipazione deve necessariamente riportare:

–  nome e cognome;

– data e luogo di nascita;

– codice fiscale;

– il possesso della cittadinanza italiana o di uno Stato dell’Unione Europea;

– il comune e l’indirizzo di residenza;

– eventuali condanne penali riportate;

– il titolo di studio posseduto;

– l’eventuale indirizzo presso il quale si vuole ricevere le comunicazioni relative alla selezione.

Sono motivi inderogabili di esclusione:

– l’omessa sottoscrizione della domanda;

– la presentazione della domanda oltre il termine fissato dal bando.

Possono invece essere suscettibili di regolarizzazione della domanda mere imperfezioni formali della domanda o omissioni della stessa che non comportino la modifica del contenuto sostanziale della dichiarazione.

Il bando può prevedere che la domanda venga presentata su un modello già predisposto ed allegato all’avviso.

 

 

Art. 9 Commissione giudicatrice

La commissione giudicatrice é nominata dal direttore dell’azienda ed é composta dallo stesso, che la presiede, e da due componenti esperti, scelti anche fuori dell’azienda, nel rispetto di quanto previsto all’art. 2. Può essere prevista la figura di un segretario verbalizzante.

La commissione esprime collegialmente la valutazione.

 

 

Art. 10  Articolazione delle prove

Le prove d’esame sono di norma per titoli ed esami. A seconda del profilo da ricoprire dette prove  possono essere scritte ed orali o solo orali.

Possono essere previste anche prove attitudinali finalizzate a verificare l’idoneità allo svolgimento delle mansioni tipiche del profilo da ricoprire. Le modalità delle prove attitudinali saranno definite nel bando .

La valutazione dei titoli sarà effettuata, previa individuazione dei criteri, prima dell’ultima prova prevista ed interesserà i candidati ammessi alla stessa. Il risultato di detta valutazione sarà reso noto agli interessati prima dell’effettuazione dell’ultima prova.

Le procedure selettive dovranno essere portate a compimento dalle commissioni, salvo oggettivi impedimenti, entro 2 mesi dalla data di effettuazione della prima prova o nel caso di selezione per soli titoli, dalla prima riunione della commissione.

Le prove orali devono essere aperte al pubblico.

La valutazione complessiva é determinata sommando il punteggio ottenuto nella valutazione dei titoli a quello conseguito nella/e  altra/e  prova/e d’esame.

E’ consentito prevedere nel bando  una preselezione consistente in domande scritte a risposta multipla relative alle materie della prova d’esame.

 

Art. 11 Punteggi

Per la valutazione di titoli e l’espletamento delle prove, salvo diversa oggettiva necessità, dettate da particolari esigenze che possono rendersi indispensabili per l’espletamento delle prove di  un particolare profilo, dettagliatamente motivate dalla commissione, l’attribuzione dei punteggi seguirà di norma il seguente schema:

  • punteggio massimo per titoli 5
  • punteggio massimo per prova/prove d’esame 15

La commissione giudicatrice stabilirà  i criteri per l’attribuzione di detti punteggi prima della valutazione dei titoli e prima della prova.

 

 

Art. 12  Esiti della selezione

La commissione giudicatrice al termine dei propri lavori provvede alla redazione della graduatoria definitiva, tenendo conto delle previsioni di legge in caso di eventuali concorrenti ex aequo.

La graduatoria ha di norma validità biennale ed alla stessa é possibile attingere per esigenze di organico attinente il medesimo livello professionale oggetto di selezione, anche di carattere temporaneo.

Gli esiti della selezione saranno tempestivamente resi noti mediante pubblicazione nella sezione “OFFERTE DI LAVORO” del sito www.sbt.it

 

Art. 13 assunzione in servizio

L’assunzione in servizio avviene con contratto individuale di lavoro subordinato a tempo pieno o parziale secondo le previsioni del bando e le forme contrattuali di impiego previste dall’ordinamento nel rispetto della normativa contrattuale nazionale.

Ove previsto, il collocamento in organico del personale selezionato è preceduto da un periodo di prova della durata indicata dalla normativa contrattuale nazionale.

 

 

Art. 14  Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno stesso di approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione della società